Climate Witness: Captain Juma Njunge Macharia, Kenya | WWF

Climate Witness: Captain Juma Njunge Macharia, Kenya



Posted on 16 noviembre 2006
Captain Juma from Murungaru, Kenya, Climate Witness
© WWF
“Sono Juma Niunge Macharia da Murungaru, un villaggio in una zona chiamata Kinangop, 100km a Ovest di Nairobi, Kenya.  Ho 81 anni e vivo qui fin dall’indipendenza nel 1963.  Sono sposato e ho nove figli.

English | Deutsch | 日本語 | Italiano | Español

Sono un contadino e un medico erborista.  Faccio questo lavoro da molto tempo, già dai tempi della guerra di indipendenza.  I miei vicini in genere vengono da me per essere curati.  Li curo con erbe, arbusti e  alberi che coltivo nel mio cortile.

Coltivo anche grano, mais, fagioli, patate dolci e patate, e tengo delle mucche e pecore per il latte e la carne.

Ero capitano nel movimento Mau Mau, che lottava per l’indipendenza.  Da quando il Kenya ha dichiarato l’indipendenza nel 1963, ho assistito a molti cambiamenti nella vegetazione in questa zona.

Questi cambiamenti sono avvenuti in parte perché molta gente in questa zona ha cominciato a piantare alberi di eucalipto per prosciugare i terreni paludosi.”

Comportamenti imprevedibili delle piogge


“Ho anche assistito a notevoli cambiamenti nel clima negli ultimi decenni.  Quando ero giovane la stagione delle piogge nella zona del Kinangop iniziava a metà Aprile, ma si è spostata a Giugno, cioè a quando un tempo finiva.

Il comportamento delle piogge è diventato imprevedibile e non ci si può fare affidamento.

Ho anche notato cambiamenti della temperatura.  Anche se le temperature durante il giorno sembrano essere aumentate, il numero di notti fredde sembra essere anch’esso aumentato, e capitano in mesi diversi.  Il gelo prima veniva a Giugno e Settembre e riuscivamo a malapena a crescere del mais perché il gelo lo distruggeva.

Tuttavia, al giorno d’oggi, con una buona pioggia, riusciamo a coltivare il nostro mais e a fare un raccolto dato che gli effetti del gelo non sono tanto forti.

Anche il tipo di freddo è cambiato.  Il mese di Luglio prima era freddo e nebbioso, me lo ricordo piuttosto chiaramente perché quando ho cominciato a praticare la medicina erboristica negli anni ’60, non vedevo quasi mai pazienti colpiti da polmonite.  Tuttavia, oggigiorno il freddo è molto più secco.

Ho notato questo cambiamento per via del numero sempre crescente di bambini affetti da polmonite che vengono da me.

Sono molto preoccupato da questi cambiamenti climatici poiché stanno aumentando di molto altre sfide che la mia comunità deve affrontare.  Capisco che questi cambiamenti climatici sono causati dalle emissioni provenienti dalla combustione di combustibili fossili e dall’abbattimento di foreste.

Spero che i governi troveranno un modo per fermare tutto questo e che il governo del Kenya darà una mano impedendo la deforestazione e ripiantando le foreste che sono state distrutte negli ultimi decenni.”

Informazioni scientifiche


Le analisi del clima mostrano che le temperature medie in Kenya sono aumentate di 1,3°C e mentre le precipitazioni totali sono aumentate, è prevista in futuro una maggior quantità di piogge imprevedibili (aumento del 20% o più) che renderanno ancora più difficile l’agricoltura.
Captain Juma from Murungaru, Kenya, Climate Witness
© WWF Enlarge
Captain Juma, WWF Climate Witness from Murungaru, Kenya, is packing his herbal medecines
© WWF Enlarge
Captain Juma, practitioner in herbal medicine, from Murungaru, Kenya, and a WWFClimate Witness, is taking off to see a patient
Captain Juma, practitioner in herbal medicine, from Murungaru, Kenya, is a WWFClimate Witness
© WWF Enlarge
Logo
© Sony Japan Enlarge